Bari, 16 anni di carcere per aver soffocato la figlia: “Padre affetto da sindrome di Munchausen”

0

La Corte di Assise di Bari ha condannato a 16 anni di reclusione Giuseppe Difonzo, accusato di aver ucciso la figlia di 3 mesi soffocandola nel sonno durante un ricovero in ospedale nel 2016. I giudici hanno riqualificato il reato da omicidio volontario in omicidio preterintenzionale, escludendo anche l’aggravante della premeditazione.

Sedici anni di carcere per aver ucciso sua figlia Emanuela. È la sentenza della Corte di Assise di Bari nei confronti del trentunenne di Altamura Giuseppe Difonzo, accusato di aver ucciso la figlioletta di tre mesi soffocandola nel sonno mentre la piccola era ricoverata in ospedale. Nei confronti dell’imputato, presente in aula come in tutte le udienze del processo iniziato circa un anno fa, i giudici hanno riqualificato il reato da omicidio volontario in omicidio preterintenzionale, escludendo anche l’aggravante della premeditazione. Riqualificati in lesioni personali volontarie aggravate gli altri due reati di cui l’imputato doveva rispondere, due tentati omicidi contro la figlioletta che sarebbero avvenuti in casa. Secondo i giudici, Giuseppe Difonzo non tentò di uccidere la bambina. Bambina che poi morì per mano del padre la notte tra il 12 e il 13 febbraio del 2016 all’ospedale pediatrico “Giovanni XXIII” di Bari. L’accusa aveva chiesto l’ergastolo con isolamento diurno per Difonzo.

L’uomo condannato anche per aver violentato una quattordicenne – Secondo la Procura il giovane padre sarebbe affetto dalla sindrome di Munchausen per procura, una patologia che consiste nel fare del male ad altre persone per attirare su di sé l’attenzione. Tale malattia, mai diagnosticata con certezza, per la Procura potrebbe dunque aver condizionato i comportamenti aggressivi di Difonzo sulla sua bambina. La piccola era nata nell’ottobre 2015 ed era stata ricoverata per 67 giorni in meno di tre mesi a causa di crisi respiratorie provocate, secondo l’accusa, sempre dal padre. Difonzo è detenuto per il delitto dal novembre 2016 ma all’epoca era già in carcere per violenza sessuale su una minorenne, una ragazza di quattordici anni, per la quale è stato condannato con rito abbreviato alla pena di tre anni di reclusione

 

Articolo PrecedenteMorde il figlio di 9 anni sul viso, mamma violenta a processo: “Ti vesti come dico io”
Prossimo ArticoloLa mamma, ubriaca, sta male: carabinieri con spade e mascherine distraggono il figlioletto
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.