Bambino morto a Perugia, i genitori erano in causa per l’affidamento di Alex

0
Alex ucciso a 2 anni a Perugia, i messaggi della madre all’ex dopo il delitto.

Bambino morto a Perugia, i genitori erano in causa per l’affidamento di Alex. Il sospetto è che la 47enne ungherese Erzsebet Bradacs possa aver uccido il figlio Alex di appena due anni come ritorsione nei confronti dell’ex coniuge che vive in Ungheria. Tanti i misteri da chiarire: dalla macabra foto del corpo senza vita del piccolo Alex inviata prima di entrare la Lidl alla maglietta che indossava il bimbo e che era intatta nonostante gli evidenti segni di accoltellamento.

Genitori in lotta da tempo per l’affidamento del bimbo dopo la separazione e una drammatica e macabra foto del corpo senza vita del piccolo Alex inviata dalla madre al padre tramite WhatsApp subito dopo il decesso, sono questi i due elementi chiave che fanno ipotizzare agli inquirenti che dietro la morte del bimbo che ha venerdì ha sconvolto Città della Pieve, in provincia di Perugia, possa esserci una vendetta tra ex coniugi. Il sospetto è che la 47enne ungherese Erzsebet Bradacs possa aver uccido il figlio di appena due anni come ritorsione nei confronti dell’ex coniuge che vive in Ungheria.

Erzsebet Bradacs si professa innocente
La donna resta in stato di fermo in carcere con la pesantissima accusa di omicidio aggravato in attesa dell’interrogatorio di garanzia con il giudice ma per il momento si professa innocente. La quarantasettenne, si è avvalsa della facoltà di non rispondere su consiglio dell’avvocato d’ufficio ma ha rivendicato più volte la sua innocenza anche se, a detta dei carabinieri che la invergavano, ha dato diverse versioni dell’accaduto, in gran parte confuse e contrastanti, che non fanno altro che complicare il quadro.

Il sospetto della premeditazione e della vendetta
Maggiore chiarezza arriverà solo dai risultati dell’autopsia sul corpicino del piccolo Alex già disposta dal Pm. L’esame post mortem dovrà stabilire l’esatta causa di morte ma soprattutto i tempi del decesso, elemento chiave per ricostruire la tragedia. La donna, prima di chiudersi nel silenzio, infatti ha affermato di aver trovato il piccolo senza vita in quel casolare dove avevano trovato un alloggio di fortuna prima di portarlo nel supermercato Lidl e poggiarlo sul nastro trasportatore per chiedere aiuto. Una ricostruente che però non corrisponde agli elementi trovati dagli investigatori e fa ipotizzare appunto una premeditazione perché forse il piccolo era già morto quando la donna lo ha portato nel supermercato.

Il giallo della maglietta intatta
Sono molti infatti i misteri da chiarire, il primo è che, pur avendo il bimbo evidenti segni di accoltellamento al petto, la maglietta che indossava era intatta come se fosse stato cambiato prima di essere preso in braccio dalla madre per attraversare la strada ed entrare nel Lidl. Un’altra maglietta imbratta di sangue inoltre era nel casolare. Tutti reperti ora i mano alla scientifica così come una coltello che la dona aveva in borsa e che gli investigatori sano analizzando per capire se posa trattarsi dell’arma del delitto.

Articolo PrecedenteMilano, aereo caduto a San Donato: Agenzia nazionale per la sicurezza apre un’inchiesta
Prossimo ArticoloCatania, convinto che la fidanzata usi i social di nascosto: 18enne spara al padre di lei per gelosia
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.