Avvistato nel centro Sardegna. Un escursionista ha chiamato il corpo forestale. Questo mustelide è una specie invasiva e pericolosa per il mantenimento della biodiversità

Un visone americano è stato avvistato in centro Sardegna da un escursionista, che lo ha subito segnalato al 1515. Il fatto è avvenuto nelle campagne tra Gadoni e Seulo, lungo il corso del Flumendosa. Un evento raro che ha già avuto però un precedente: alcuni anni fa un cittadino ne catturò uno in agro di Sedilo, dopo che l’animale gli aveva ucciso le galline. Il visone americano (neovison vison) è un mammifero carnivoro della famiglia dei mustelidi. Semiacquatico, predilige le aree costiere con fitta vegetazione. È un straordinario predatore di specie selvatiche, in particolare di uccelli che si trovano nelle zone umide. È considerata una specie invasiva che in Italia è stata importata a partire dagli anni Cinquanta e si è diffusa nelle aree circostanti ai grandi allevamenti del nord, oltre che in Sardegna lungo il Flumendosa e il lago Omodeo. «L’Unione europea – spiega la Forestale – considera il visone una delle dieci specie aliene presenti in Italia più pericolose per il mantenimento della biodiversità. Nel territorio regionale va a riempire nicchie ecologiche che nell’isola non sono comprese».