Asti, 13enne morto la notte di Capodanno: colpito da fucilata non da petardo

0
Asti, 13enne morto la notte di Capodanno: colpito da fucilata non da petardo.

Asti, 13enne morto la notte di Capodanno: colpito da fucilata non da petardo. Svolta nelle indagini per la morte di Roudin Seferovic, ragazzino 13enne che ha trovato la morte la notte di Capodanno colpito da un colpo di fucile da caccia, e non da un petardo come era stato comunicato nei giorni scorsi. Oggi i funerali al cimitero di Asti.

Non un grosso petardo, ma un colpo di fucile da caccia. È stato il proiettile di un fucile da caccia calibro 12, e non un petardo come sembrava in un primo momento, a uccidere la notte di Capodanno ad Asti il 13enne Roudin Seferovic. E’ quanto emerge dalle indagini dei carabinieri. L’esito dell’autopsia, disposta dalla procura di Asti, ha confermato la causa del decesso nella profonda emorragia all’addome provocata dalla ferita da arma da fuoco. Il proiettile sarebbe stato sparato a distanza ravvicinata. Al momento non risultano indagati. Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti resta quella di una tragica fatalità durante i festeggiamenti per l’arrivo del nuovo anno.

L’incidente si era verificato poco prima della mezzanotte del 31 dicembre scorso nel campo rom di via Guerra dove il ragazzo viveva con la sua famiglia.  Trasportato in ospedale, era morto poco dopo. In quei minuti disperati, fuori dalla struttura si erano ritrovati i familiari del ragazzo, che chiedevano di vederlo. La situazione si era fatta così tesa, ed erano arrivate volanti della polizia e agenti della municipale per evitare che ci fossero problemi di ordine pubblico. «Sono dispiaciuto per la tragedia e umanamente vicino alla famiglia», le parole del sindaco di Asti Maurizio Rasero che si era recato nel campo per portare le condoglianze ai parenti.

Una cinquantina di carabinieri del Comando provinciale di Asti, intanto, hanno effettuato una serie di perquisizioni al campo nomadi di via Guerra, dove la vittima viveva con la famiglia e dove si è consumata la tragedia. Il tredicenne, secondo diverse testimonianze, stava giocando quando è stato colpito dal proiettile, scambiato in un primo momento per un grosso petardo. Trasportato all’ospedale Cardinal Massaia di Asti, è arrivato già in arresto cardiaco e a nulla sono valsi gli sforzi dei sanitari per salvargli la vita. Il ragazzo, come annunciato da Carla Osella, presidente nazionale Aizo (Associazione Italiana Zingari Oggi), sarà sepolto con rito musulmano al cimitero di Asti.

Articolo PrecedenteMaria Chindamo uccisa e data in pasto ai maiali, il fratello: “Lo abbiamo saputo dalla TV”
Prossimo ArticoloCinque Regioni in zona arancione, resto d’Italia in zona gialla da lunedì 11 gennaio
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.