Assolto per stupro perché la vittima “non gridò”. La Cassazione: “Processo da rifare”

0
Assolto per stupro perché la vittima “non gridò”.

Assolto per stupro perché la vittima “non gridò”. La Cassazione. La Corte di Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza di assoluzione nei confronti di M.R., un volontario della Croce Rossa piemontese accusato di stupro nei confronti di un’altra operatrice. In promo grado i giudici avevano assolto l’uomo perché la vittima “aveva detto basta ma non aveva urlato”.

Aveva denunciato un suo collega per stupro, ma in primo grado l’uomo era stato assolto perché – per i giudici – la vittima “aveva detto basta ma non aveva urlato”, non aveva cioè “tradito emotività”. Imputato nel processo, che si era tenuto in Tribunale a Torino, M.R., soccorritore ed istruttore del 118 accusato di aver violentato un’operatrice in una piccola stanza dell’ospedale Gradenigo di Torino utilizzata dai volontari nelle pause di riposo. La sentenza di assoluzione a carico dell’uomo aveva suscitato un certo scalpore anche perché il giudice aveva stabilito di trasmettere gli atti in Procura per procedere contro la vittima per calunnia. Come ricorda Repubblica in secondo grado la donna era stata creduta: stavolta per i giudici non vi erano stati dubbi rispetto a quanto era avvenuto, ma ciò nonostante M.R. era stato nuovamente assolto: a salvarlo stavolta era stata la tesi della corte sulla “non procedibilità” del reato, visto che mancava la querela da parte della volontaria.

Elena Daloiso, sostituto Pg che aveva sostenuto in aula l’accusa contro Raccuia, aveva fatto ricorso per Cassazione sostenendo che l’imputato, nonostante fosse un volontario, aveva un ruolo di “superiore” nella Croce Rossa e un ordine di servizio gli affidava un incarico di organizzazione del lavoro degli altri colleghi rendendo di fatto la vittima una sua sottoposta. La donna, secondo il procuratore, non aveva denunciato l’uomo  perché timorosa di questa sua situazione, decidendo poi di querelarlo successivamente.

Ebbene, i giudici della Corte di Cassazione hanno dato ragione alla procura generale annullando con rinvio la sentenza d’appello. Il processo, quindi, dovrà essere di nuovo celebrato. Non solo: la querela di parte non è stata ritenuta necessaria e quindi il reato è stato giudicato, in questo caso, procedibile d’ufficio. Il fascicolo è tornato a Torino dove sarà assegnato ai giudici di secondo grado di un’altra sezione rispetto a quelli che si erano già espressi.

Articolo PrecedenteReddito di emergenza, al via domande per bonus da 2.400 euro: chi può accedere e come chiederlo
Prossimo ArticoloNegli scontri di Montecitorio spunta un uomo vestito come lo sciamano di Capitol Hill
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.