Arriva Momo, l’incubo di Whatsapp

0

In questi giorni si parla moltissimo di Momo, l’utente Whatsapp da incubo che viene diffuso attraverso una catena dove si invita ad inviare messaggi con foto spaventose per evitare di essere contattati dal terribile utente.

Naturalmente, nonostante tutto si presti alla creepy pasta e al film horror adolescenziale a tema smartphone, Momo non è niente di davvero temibile, la foto spaventosa che ha fatto il giro del web viene da una mostra d’arte giapponese di qualche anno fa, e gli ideatori della catena hanno semplicemente orchestrato uno strano scherzo in modo notevole. Forse, però sarebbe stato più adatto a un periodo come quello di Halloween anziché alla terribile afa estiva di questi giorni.

 Il numero di origine di Mimo è lo: +57 (313) 529-2569. In altri casi si parla di +81 345102539. La bufala si aggira attraverso il passaparola ed è diventata un vero tormentone che sa più di esperimento sociale che di minaccia particolare. Per fortuna, almeno al momento, pare che Momo non veicoli niente di grave, quindi non ci sono virus o malware di sorta ma semplicemente una trovata horror in stile Whatsapp.
 Il consiglio è comunque quello di bloccare l’utente e non provare per nessun motivo a contattarlo. e’ possibile infatti che la questione venga sfruttata, anche da terzi per compiere dei reati informatici.
Il terribile utente comunque sembra essere stato smascherato, di sicuro però i primi utenti che se lo sono trovati sulla rubrica devono aver avuto una discreta paura!
Momo, non è da solo, questa tendenza ha già visto altri profili aggirarsi per i meandri di Whatsapp dando vita a catene e tendenze, spesso veicolo di truffe informatiche, tentativi di infezioni attraverso virus e trojan, così come furto di dati.
Massima attenzione quindi, e se dovesse capitarvi di essere contattati, evitate assolutamente di stare al gioco e di finire magari con un adware nel telefono!
Articolo Precedente”Io non dimentico”: si raccolgono le firme per abolire la legge Lorenzin sui vaccini obbligatori
Prossimo ArticoloWhatsApp, cambiamenti e novità in arrivo
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.