Arresto Fabrizio Corona, Belén: “Ieri ho pianto tanto, non è lucido e ha bisogno di aiuto”

0
Arresto Fabrizio Corona, Belén.

Arresto Fabrizio Corona, Belén. Belén Rodriguez rompe il silenzio dopo le drammatiche immagini dell’arresto di Fabrizio Corona, ricoverato nel reparto di psichiatria dell’ospedale Niguarda di Milano prima di essere tradotto in carcere: “Ha già pagato abbastanza, c’è un accanimento nei suoi confronti. Ieri ho pianto tanto, quei video sono una richiesta di aiuto”.

Indice dei contenuti

Belén Rodriguez rompe il silenzio dopo le drammatiche immagini pubblicate da Fabrizio Corona a poche ore dal suo nuovo arresto. L’uomo, al momento ricoverato nel reparto di psichiatria dell’ospedale Niguarda di Milano, ha pubblicato su Instagram video in cui, il volto insanguinato, inveiva contro la magistratura dopo avere appreso che sarebbe dovuto tornare in carcere. In un altro filmato, Fabrizio è steso sull’asfalto, vittima di un malore, prima di essere caricato su un’ambulanza. Immagini che hanno fatto male a Belén che è stata a lungo ex compagna di Fabrizio. E che all’Adnkronos dice:

Penso che Fabrizio abbia già pagato abbastanza per i casini che ha fatto. Credo che nei suoi confronti ci sia un accanimento, mica possono fargliela pagare fino alla morte. Ci sono dei mafiosi che sono liberi e a lui lo sbattono dentro perché ha fatto una diretta su Instagram? Ieri ho pianto tanto. Mi sembra che non sia più lucido, non sta più bene ed è una persona che ha bisogno di aiuto.

Fabrizio Corona deve tornare in carcere: si taglia sul braccio e insulta i giudici su Instagram

Prosegue Belén: “Non dico che chi sbaglia vada per forza aiutato ma il carcere o le condanne devono riabilitare in qualche modo l’essere umano. Portarlo in galera non mi sembra la soluzione. Invece del carcere per me dovevano fargli pagare una grossissima somma per tutti i danni finanziari che ha commesso”. Sembra un appello quello della showgirl, che si augura Corona possa essere curato:

Questa persona va curata. Si vede su Instagram che non sta bene. Il gesto che ha fatto ieri era una chiara richiesta di aiuto. Se tu a Fabrizio dici di non uscire e di non fare dirette su Instagram lui non ci riesce ma non perché vuole tornare in carcere ma perché ha qualche problema che va curato in qualche modo. Potevano metterlo nelle condizioni di non fare dirette su Instagram e di non farlo uscire di casa, ma davvero! Se lo lasci libero lui fa come gli pare, non è una persona in grado di seguire le regole.

Fabrizio Corona ricoverato a Milano
Dopo essere stato raggiunto da un’ambulanza, Fabrizio Corona è stato ricoverato nel reparto di psichiatria dell’ospedale Niguarda di Milano. “Fabrizio resterà in ospedale ancora per qualche giorno”, ha dichiarato a Fanpage.it Ivano Chiesa, avvocato di Corona, riferendo che il suo assistito avrebbe “tagliarsi le vene non appena ha saputo la notizia. Così è stato trasportato in ospedale per essere medicato. Eppure un uomo che ha degli evidenti problemi di salute ora dovrà ritornare in carcere”.

Il silenzio di Nina Moric su Fabrizio Corona: “Nel rispetto umano della sua persona”. L’ex moglie, legata all’ex paparazzo dei vip dal 2002 al 2014 e con il quale condivide il figlio Carlos, ha informato l’Adnkronos con una nota inviata dal suo legale, l’avvocato Solange Marchignoli: “Nel rispetto umano della persona di Fabrizio Corona e di fronte al dramma Nina Moric non ha intenzione e non può rilasciare alcuna dichiarazione e sceglie il silenzio”.

Nina Moric sceglie per il silenzio stampa sulla vicenda di Fabrizio Corona, dopo la decisione del Tribunale di sorveglianza di Milano e le drammatiche conseguenze del suo arresto. L’ex moglie, legata all’ex paparazzo dei vip dal 2002 al 2014 e con il quale condivide il figlio Carlos, ha informato l’Adnkronos con una nota inviata dal suo legale, l’avvocato Solange Marchignoli: “Nel rispetto umano della persona di Fabrizio Corona e di fronte al dramma Nina Moric non ha intenzione e non può rilasciare alcuna dichiarazione e sceglie il silenzio”.

Fabrizio Corona fa lo sciopero della fame
Nel frattempo l’ex marito, attualmente ricoverato nel riparto di Psichiatria 2 dell’ospedale Niguarda di Milano, ha fatto sapere tramite il suo avvocato Cristina Morrone che la sua intenzione è quella di fare uno sciopero della fame. Continuerà a non mangiare né a bere fino a quando non riuscirà a parlare con la presidente del Tribunale di sorveglianza di Milano, la dottoressa Giovanna Di Rosa.

Le parole di Belen Rodriguez sul caso Corona

Belén Rodriguez è intervenuta sulla vicenda Fabrizio Corona. All’Adnkronos, la conduttrice ha espresso tutta la sua tristezza per quanto è successo, spiegando: “Penso che Fabrizio abbia già pagato abbastanza”. E ha aggiunto: “Ieri ho pianto tanto. Mi sembra che non sia più lucido, non sta più bene ed è una persona che ha bisogno di aiuto”. Sembra un vero e proprio appello quello della showgirl, che si augura Corona possa essere  aiutato: “Questa persona va curata. Si vede su Instagram che non sta bene. Il gesto che ha fatto ieri era una chiara richiesta di aiuto”.

Le parole di Asia Argento sul caso Corona
Dello stesso parere sembra essere anche l’ex compagna Asia Argento, la prima delle donne dello spettacolo che hanno gravitato attorno a Corona, ad esporsi sul caso. D’altronde i rapporti tra loro di recente erano tornati buoni e la stessa attrice aveva raccontato di provare un sincero affetto per lui. Accorato l’appello via Instagram: “Quest’uomo non è un assassino, uno stupratore, un mafioso, uno spacciatore, un criminale”, spiega in un post, dove mostra i momenti concitati della mattina. Il volto pieno di sangue, la lite con gli agenti di polizia che lo hanno spinto in ambulanza, le grida, le lacrime della madre. “Non uscirà riabilitato da questi due anni di carcere”.

La mamma di Fabrizio Corona: “Perseguitato da una magistratura bigotta, mio figlio è malato”. A parlare è mamma Gabriella Previtera attraverso il profilo Instagram di Fabrizio Corona, per rivolgersi prima a lui e poi all’Italia intera: “Ancora i gravi problemi legati alla tua patologia sono da debellare del tutto, ma per i cittadini che in questa Italia cercano una giustizia giusta io dico che mio figlio è un perseguitato da un tipo di magistratura bigotta e priva di qualsiasi segno di sensibilità umana”.

“Me lo volete ammazzare, lasciatelo stare. È malato”, così mamma Gabriella Previtera aveva reagito quando ha visto la Polizia bloccare il figlio dopo uno scontro per via della sottrazione del suo cellulare. A documentare tutto è stato il magazine Mow, che ha spiegato nel dettaglio perché la mamma di Corona ha avuto un crollo nervoso quando lo ha visto con il volto insanguinato in una casa che sembrava il set di un film di Tarantino. Era sotto shock, cercava di spiegare ai poliziotti che Fabrizio sta male, è malato, ha bisogno di cure serie e non di tornare in carcere.

Mamma Gabriella scrive su Instagram di Corona

Forse per questo motivo ha poi deciso di affidare il suo sfogo disperato al profilo Instagram di Fabrizio Corona, sul quale è spuntato un post a sua firma, nel quale la signora Gabriella denuncia la persecuzione alla quale sarebbe soggetto l’amato figlio da parte di una ‘magistratura bigotta e priva di qualsiasi segno di sensibilità umana‘:

13/03/2021 Mamma Gabriella. Per la prima volta dopo tanti anni ti ho visto cambiato. Certo ancora i gravi problemi legati alla tua patologia sono da debellare del tutto, ma per i cittadini che in questa Italia cercano una giustizia giusta io dico che mio figlio è un perseguitato da un tipo di magistratura bigotta e priva di qualsiasi segno di sensibilità umana.. A nome di tutte le madri che hanno i figli perseguitati io chiedo che questo abuso di potere finisca ..perche il mio cuore è a pezzi ma..il mio onore di cittadina che credeva nella giustizia è stato trafitto da una lama piena di veleno e cattiveria. Che Dio ci aiuti affinché la giustizia possa vincere sull’ arroganza di chi non è in grado di capire

Corona torna in carcere: urla e spintoni con la polizia prima di salire sull’ambulanza

Come sta adesso Fabrizio Corona
Fabrizio Corona dopo essere salito sull’ambulanza che lo stava aspettando fuori casa, è stato ricoverato nel reparto di Psichiatria dell’ospedale Niguarda di Milano. L’essersi inferto dei tagli sul braccio e cosparso il volto di sangue aveva richiesto l’intervento immediato di un controllo sanitario. Corona è piantonato dai poliziotti del carcere di Opera, dove verrà trasferito una volta dimesso. Intanto al Niguarda ha iniziato lo sciopero della fame e della sete e si è detto convinto a perseguirlo finché non parlerà con la presidente del Tribunale di sorveglianza di Milano, lo stesso tribunale che ha deciso del suo ritorno in carcere.

L’avvocato di Corona: “Fabrizio ha 14 punti di sutura, ha rischiato di ammazzarsi sul serio”. “Fabrizio non sta bene, è sotto osservazione in psichiatrica, gli hanno dato 14 punti di sutura per il taglio che si è fatto sul braccio. Altro che atto dimostrativo, ha rischiato di ammazzarsi sul serio”. Lo ha detto l’avvocato Ivano Chiesa, legale di Fabrizio Corona, in un video diffuso sui canali social dell’ex re dei paparazzi. Che resta in sciopero della fame chiedendo di poter parlare con la presidente del Tribunale di Sorveglianza.

“Sono stato a trovare Fabrizio in ospedale a Niguarda. Mi sembra giusto informare tutti quelli che gli vogliono bene sulle sue condizioni. Fabrizio non sta bene, è sotto osservazione in psichiatrica, gli hanno dato 14 punti di sutura per il taglio che si è fatto sul braccio. Altro che atto dimostrativo, ha rischiato di ammazzarsi sul serio, perché se becca l’arteria radiale muore in due minuti”. Lo ha raccontato l’avvocato Ivano Chiesa, legale di Fabrizio Corona, in un video diffuso dall’account Instagram dell’ex re dei paparazzi, ricoverato in ospedale dopo gli atti di autolesionismo compiuti quando ha saputo che dovrà tornare in carcere per la revoca della detenzione domiciliare decisa dai giudici del Tribunale di Sorveglianza di Milano.

Una protesta plateale, seguita da un video con il volto insanguinato e pesanti accuse ai magistrati. Poi ci sono stati momenti di tensione con la polizia quando un’ambulanza è arrivata a prendere Corona per portarlo al pronto soccorso. In ospedale l’ex fotografo dei vip ha poi iniziato a non mangiare per protesta.

“È in sciopero della fame – conferma ora il suo avvocato -, ha detto che non smetterà di scioperare finché non riuscirà a parlare con il presidente del Tribunale di sorveglianza, la dott.ssa Di Rosa, oppure con un rappresentante delle istituzioni, cioè del ministero, oppure finché non lo trasferiranno dalla Lombardia perché non vuole più avere a che fare con questo tribunale di sorveglianza perché ritiene quel provvedimento l’incarnazione di tutti i pregiudizi nei suoi confronti e io condivido questa sua opinione”.

“Io lo conosco molto bene, so che non smetterà e non cederà, e quindi vedremo le puntate successive di questa vicenda la battaglia è appena cominciata”, conclude il difensore di Corona, invitando a firmare una petizione in suo favore.

Fabrizio Corona: “Vogliono chiudere in cella il problema e buttare la chiave”. “Quale percorso e quale progetto “riabilitativo” è previsto per le persone come Fabrizio Corona? Chiudere in cella il problema e buttare la chiave è un atto di grande irresponsabilità…”. È quanto si legge in un nuovo post pubblicato sul profilo Instagram di Fabrizio Corona, a tre giorni dalla notizia del suo ritorno in carcere e dalla plateale protesta dell’ex re dei paparazzi.

“Quale percorso e quale progetto “riabilitativo” è previsto per le persone come Fabrizio Corona? Chiudere in cella il problema e buttare la chiave è un atto di grande irresponsabilità…”. È quanto si legge in un nuovo post pubblicato sul profilo Instagram di Fabrizio Corona, a tre giorni dalla plateale protesta dell’ex re dei paparazzi. Dopo la decisione del Tribunale di Sorveglianza di Milano di revocare i domiciliari, facendo riaprire le porte del carcere per Corona, lui si è inferto un profondo taglio a un braccio, quindi si è cosparso il viso di sangue. Dopo una colluttazione con i poliziotti intervenuti, è stato portato in ospedale e ricoverato in psichiatria. Ha annunciato che farà lo sciopero della fame finché non potrà parlare con i giudici.

Corona torna in carcere: urla e spintoni con la polizia prima di salire sull’ambulanza

Il suo legale, l’avvocato Ivano Chiesa, ha spiegato che Corona non si arrenderà finché non sarà ascoltato. In un nuovo post comparso sui suoi profili social, viene ribadita la posizione dell’ex fotografo. “Fabrizio Corona personaggio pubblico non gradito a tanti… Questa persona ha fatto già 6 anni di galera ed è sulla soglia dei 50 anni. Oltre a questo è un imprenditore che offre lavoro a centinaia di persone che operano nel mondo della comunicazione, in questi giorni tutto questo indotto è sospeso in un periodo già difficile per tutte le famiglie italiane. Oltre a tutto questo esiste un quadro personale e familiare molto difficile che minerebbe alla stabilità di qualunque individuo. Esiste la legge e va osservata: vero. Chi ha il potere però di decidere della vita altrui dovrebbe tenere in considerazione TUTTI questi elementi, non è cosi? Fabrizio ci ha comunicato che non ha alcuna intenzione di “pagare” anche questa volta per una punizione cosi impropria… Anche oggi Fabrizio osserverà ad oltranza lo sciopero della fame e della sete: per se stesso, per la sua famiglia, per i suoi collaboratori e per tutte le vittime delle iniquità”.

Articolo Precedente“È solo una verruca”, ma era un tumore maligno: curata con crema solare, muore nel giro di due anni
Prossimo ArticoloVaia: “Qualcuno vuole che virus non finisca”. Poi spiega: “Aziende farmaceutiche rispettino patti”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.