Argentina, scomparsa da una settimana, Dora ritrovata in fondo a un pozzo. Era scomparsa da una settimana: è stata trovata cadavere in un pozzo profondo oltre 80 metri, Dora Hidalgo, 67 anni, scomparsa il 31 agosto scorso a Mendoza, in Argentina. Il ritrovamento, sabato scorso, è avvenuto a pochi passi dalla sala eventi “Luna India”, dove Dora lavorava come addetta alle pulizie e come volontaria, nutrendo i cani della posto. La famiglia l’ha cercata disperatamente per giorni. La polizia ha già un sospettato.

Era scomparsa da una settimana: è stata trovata cadavere in un pozzo profondo oltre 80 metri, Dora Hidalgo, 67 anni, scomparsa il 31 agosto scorso a Mendoza, in Argentina. Il ritrovamento, sabato scorso, è avvenuto a pochi passi dalla sala eventi “Luna India” nel comune di Coquimbito, dove Dora lavorava come addetta alle pulizie e dove operava come volontaria nutrendo i cani della posto. Sin dalla presentazione della denuncia di scomparsa, la famiglia aveva fatto presente la propria convinzione che si trattasse di un sequestro o una violenza. L’appello per la scomparsa di Dora, 67enne di Córdoba che viveva a Mendoza,  era stato diffuso dalla sua famiglia immediatamente con una massiccia campagna sui social network.“Stiamo cercando Dora – aveva scritto la sorella su Facebook – L’ultima volta è stata vista nella zona di Villa Seca. Non se ne è andata di sua spontanea volontà. Ha lasciato la porta di casa aperta. Siamo disperati “.

Come temuto dalla famiglia, la donna era stata vittima di violenza. A far ritrovare il corpo è stato un dipendente del luogo che ha segnalato la presenza di miasmi in prossimità del pozzo. Polizia e vigili del fuoco hanno trovato macchie di sangue e 24 ore dopo sono riusciti a recuperare i resti della donna. Le indagini hanno permesso di risalire a un sospettato, un elettricista di 35 anni che, come la vittima, svolgeva compiti di manutenzione sul posto. Si tratta di José Daniel Moreira. Secondo le indagini condotte dal procuratore Gustavo Pirrello, titolare del caso, l’omicidio sarebbe avvenuto per una controversia tra la donna e il suo omicida, per motivi di lavoro.