Argentina, 46enne cerca di violentare la figlia: ucciso dalla moglie con 185 coltellate

0

Il delitto si è consumato in una casa nella provincia di Buenos Aires, in Argentina. Una donna di 38 anni, Paola Córdoba, ha subito confessato di aver ucciso il marito. Lo avrebbe fatto dopo anni di violenze e dopo averlo sorpreso mentre tentava di abusare sessualmente della figlia 18enne. Arrestata anche la ragazza.

Una donna a José Clemente Paz, città nella provincia di Buenos Aires in Argentina, è accusata di aver ucciso suo marito pugnalandolo 185 volte. Un omicidio brutale avvenuto sabato scorso subito dopo che l’uomo avrebbe tentato di abusare della propria figlia, una ragazza di diciotto anni che si chiama Paula. Paola Córdoba – questo il nome della mamma, una trentottenne – subito ha confessato il suo crimine alla polizia. La donna agli agenti, secondo quanto si legge sui media locali, avrebbe spiegato di aver visto, tornando a casa, il marito che lottava con sua figlia nel tentativo di abusare sessualmente di lei. Così sarebbe andata in cucina e, dopo aver preso un coltello, non avrebbe esitato a colpire ripetutamente l’uomo. Secondo la polizia argentina anche la ragazza potrebbe aver partecipato al delitto di suo padre, che aveva quarantasei anni e si chiamava Alberto Elvio Naiaretti. La giovane, dunque, è stata fermata insieme a sua madre: entrambe attualmente sono in carcere e hanno fornito la loro versione dei fatti dicendo di essere vittime di violenze da parte della vittima. La polizia ha sequestrato inoltre due coltelli insanguinati nella casa del delitto.

Il delitto divide l’opinione pubblica in Argentina – L’uomo ucciso era già noto per i suoi precedenti di violenza in famiglia. Dall’autopsia effettuata sul suo corpo è emerso che è stato appunto pugnalato 185 volte e la maggior parte delle coltellate, ben 119, lo hanno raggiunto al torace. E poi ancora è stato colpito al collo, alla testa e alle braccia. Quattro le coltellate fatali al cuore e al polmone: tutte le altre erano superficiali. Il delitto ha scioccato e diviso l’opinione pubblica in Argentina: c’è chi ritiene che l’omicidio non sia assolutamente da giustificare, altri invece ritengono che Paola Córdoba abbia agito legittimamente per difendersi dal marito violento. In tanti lunedì hanno marciato davanti alla stazione di polizia per chiedere di liberare madre e figlia: “Mia sorella e mia nipote hanno vissuto 21 anni di calvario”, ha detto la sorella di Paola Córdoba secondo cui l’uomo avrebbe anche costretto in passato la moglie a prostituirsi.

Articolo PrecedenteNasa, di nuovo l’uomo sulla Luna entro 10 anni
Prossimo Articolo“Il tumore è inoperabile, ti restano 3 mesi di vita”, ma Flavio si salva grazie alla moglie
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.