Approvato il primo vaccino Covid per animali: il Karnivak-Kov genera anticorpi nel 100% dei casi

0
Approvato il primo vaccino Covid per animali.

Approvato il primo vaccino Covid per animali. Le autorità russe hanno autorizzato il vaccino anti Covid per animali “Karnivak-Kov”. Si tratta del primo farmaco espressamente sviluppato per proteggere gli animali a ottenere il via libera. In base a quanto dichiarato da Konstantin Savenkov, vice capo del Servizio federale per la sorveglianza veterinaria e fitosanitaria, il vaccino induce la produzione di anticorpi nel 100% degli animali trattati.

In Russia è stato approvato il primo vaccino anti COVID specificatamente progettato per proteggere gli animali. Si chiama Karnivak-Kov ed è stato messo a punto dagli scienziati del Centro Federale per la Salute Animale (FSBI “ARRIAH”), una costola del Rosselkhoznadzor, il Servizio federale russo per la sorveglianza veterinaria e fitosanitaria. Il farmaco era in sperimentazione dall’ottobre dello scorso anno; ora verrà utilizzato sia per proteggere gli animali da compagnia – come cani e gatti – che quelli da allevamento, alla stregua dei visoni.

Come dimostrato dallo studio “Broad host range of SARS-CoV-2 predicted by comparative and structural analysis of ACE2 in vertebrates” guidato da scienziati dell’Università della California di Davis, vi sono oltre 400 specie di vertebrati potenzialmente suscettibili al patogeno pandemico, diverse delle quali già risultate contagiate nel corso dei mesi. Oltre ai già citati cani, gatti e visoni, si sono verificate diverse infezioni in animali custoditi negli zoo, come grandi felini (leopardi delle nevi, tigri e leoni) e primati non umani, in particolar modo gorilla e bonobo. Le grandi scimmie sono stati i primi animali ad essere stati trattati con un vaccino anti Covid specifico per la fauna, un farmaco sperimentale messo a punto dalla casa farmaceutica americana Zoetis, il principale produttore a livello globale di medicinali per animali da compagnia e allevamento. È verosimile che anche questo farmaco verrà approvato dalle autorità sanitarie americane preposte, ma per ora il primo a ricevere il via libera è stato il Karnivak-Kov russo. Anche lo Sputnik V del Gamaleya Research Institute di Mosca è stato il primo vaccino anti Covid approvato in assoluto (nonostante non avesse ancora terminato l’iter sperimentale).

Come dichiarato in seno a una conferenza stampa da Konstantin Savenkov, vice capo del Servizio federale per la sorveglianza veterinaria e fitosanitaria, la produzione in massa del vaccino anti Covid per animali inizierà a partire dal mese di aprile. Il dirigente ha sottolineato che negli ultimi mesi è stato sperimentato su diverse specie, tra le quali cani, gatti, volpi artiche, volpi rosse, visoni e altre ancora, nelle quali è stata evidenziata una robusta risposta anticorpale. “I risultati degli studi ci consentono di trarre una conclusione sulla sicurezza del vaccino e sulla sua elevata attività immunogenica, poiché tutti gli animali vaccinati testati nel 100 percento dei casi hanno sviluppato anticorpi contro il coronavirus”, ha affermato il dottor Savenkov. Ad oggi non è ancora noto quanto tempo duri l’immunità innescata dal Karnivak-Kov – del resto non è ancora chiaro nemmeno per i vaccini anti Covid umani -, tuttavia l’esperto ha affermato che per il momento si attesta in almeno sei mesi. Gli scienziati russi continueranno naturalmente a monitorarne sicurezza ed efficacia nei prossimi mesi.

Un vaccino anti COVID per animali può risultare particolarmente prezioso per evitare il rischio di panzoozia, ovvero la circolazione incontrollata del SARS-CoV-2 in comunità animali nelle quali può continuare a mutare e a dar vita a nuove varianti, potenzialmente più resistenti agli anticorpi, trasmissibili e letali. Non è un caso che i visoni siano stati coinvolti nella sperimentazione del Karnivak-Kov. Al di là del fatto che i mustelidi risultano particolarmente suscettibili al patogeno, sviluppando la forma grave della COVID-19 come l’uomo, negli allevamenti-lager da pelliccia di visoni sono scoppiati devastanti focolai che hanno fatto strage. Il virus, trasmesso dagli allevatori, si è diffuso rapidamente nelle gabbie in cui questi sfortunati animali vengono imprigionati e ammassati in numeri enormi. In Danimarca il patogeno è mutato nei visoni ed è balzato nuovamente all’uomo in una forma resistente agli anticorpi. Alla luce di questi rischi, le autorità danesi hanno deciso di uccidere tutti i visoni ospitati negli allevamenti del Paese, oltre 17 milioni di esemplari. Ma massacri analoghi, sebbene di minor portata, sono stati compiuti anche nei Paesi Bassi, negli Stati Uniti e in Spagna.

In alcuni casi, come nei Paesi Bassi, l’uccisione dei visoni ha determinato la chiusura definitiva degli allevamenti, ma altrove questi animali continueranno a essere sfruttati per l’anacronistico mercato delle pellicce. Verosimilmente proprio in questi luoghi il Karnivak-Kov avrà l’impatto maggiore. Il farmaco sarà comunque fondamentale anche per vaccinare gli animali ospitati negli zoo e in strutture simili, dove il rischio di contagio resterà elevato soprattutto quando riapriranno al pubblico. Le grandi scimmie, ad esempio, vanno protette non solo per la notevole suscettibilità al virus, ma anche perché spesso si tratta di specie in pericolo di estinzione (basti pensare ai gorilla); una eventuale diffusione del SARS-CoV-2 in santuari e riserve naturali potrebbe persino accelerarne la scomparsa.

Approvato il primo vaccino Covid per animali.

 

 

Articolo PrecedenteMessico, morta durante fermo di polizia: Victoria Salazar e la figlia subivano violenze dal compagno
Prossimo ArticoloRagazza affitta una stanza per fare la quarantena: violentata dal gestore dell’appartamento
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.