Anziana uccisa, i due killer hanno speso i quaranta euro di bottino in birre

0
Anziana uccisa, i due killer hanno speso i quaranta euro di bottino in birre.

Anziana uccisa, i due killer hanno speso i quaranta euro di bottino in birre. I due presunti killer di Fernanda Cocchi, la 90enne uccisa nel suo appartamento a Milano, avrebbero speso i soldi ottenuti dalla vendita della refurtiva della rapina in lattine di birre. I due sono stati arrestati e ieri, durante l’udienza di convalida, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere nonostante alla polizia – al momento dell’arresto – avessero raccontato tutto quanto.

Dall’omicidio dell’anziana di novant’anni, Fernanda Cocchi, i due presunti killer hanno ottenuto un bottino di appena quaranta euro. Soldi ricavati dalla vendita di due collanine, un anello e un orologio e che hanno poi speso, stando a quanto riportato dal quotidiano “Il Corriere della Sera”, in lattine di birra da bere nel parco. A incastrare i due sono stati i messaggi trovati nel loro cellulare, in cui si parlava dell’omicidio appena commesso, i jeans sporchi di sangue indossati dal più anziano dei due e infine i documenti d’identità lasciati al Compro oro dove hanno venduto la refurtiva.

La ricostruzione dell’omicidio
Secondo quanto rivelato dai due agli inquirenti,  i due si si sono dati appuntamento al parco Sammartini attorno a mezzogiorno. Lì hanno iniziato a bere brandy mischiato con del succo di arancia. I due poi hanno oscurato gli spioncini della casa dell’anziana e di un vicino di casa e hanno atteso lì che la donna uscisse dalla sua abitazione. Una volta messo il piede fuori casa, il 22enne ha braccato l’anziana mettendole un braccio intorno al collo e tappandole la bocca. Dopo averla trascinata in sala e averla buttata a terra, la 90enne ha iniziato a urlare. Per questo motivo l’hanno uccisa con un coltello e un ferro da stiro. Restano ancora oscuri i reali motivi di tale gesto e soprattutto il perché di tanta brutalità: la donna era cieca e malata ed è stata uccisa per pochi spiccioli.

I due si sarebbero avvalsi della facoltà di non rispondere
Sempre alla polizia, al momento dell’arresto, il 44enne ha affermato che sarebbe stato il 22enne a ucciderla e solo quando “la signora ha smesso di urlare” avrebbero capito che fosse morta. Dopodiché hanno trovato la piccola refurtiva e dato fuoco all’appartamento per coprire le tracce. Né Mario Abraham Calero Ramirez né Carlos Gabriel Velasco hanno però confermato quanto detto alla polizia al pubblico ministero Rossella Incardona. I due infatti si sono avvalsi della facoltà di non rispondere anche durante l’udienza di convalida che si è svolta davanti al giudice per le indagini preliminari Anna Calabi. Il gip ha comunque confermato il carcere per entrambi.

 

Articolo PrecedenteLa morte del piccolo Antonio Giglio a Caivano non ha un colpevole: assolti la madre e il compagno
Prossimo ArticoloIl governo pensa all’obbligo vaccinale contro il Covid per alcune categorie
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.