Afroamericano colpito alla schiena dalla polizia, il padre di Jacob Blake. Il padre di Jacob Blake, il 29enne afroamericano colpito con 8 colpi alla schiena dalla polizia a Kenosha, cittadina a poco più di 40 miglia da  Milwaukee, in Wisconsin, Stati Uniti, ha rivelato alla stampa locale che il figlio è paralizzato dalla vita in giù e che i medici non sanno ancora se sarà una condizione permanente. Intanto, continuano le proteste in tutta la città.

È paralizzato dalla vita in giù Jacob Blake, il 29enne afroamericano colpito dalla polizia con 8 colpi di pistola alla schiena domenica scorsa a Kenosha, cittadina a poco più di 40 miglia da  Milwaukee, in Wisconsin, Stati Uniti. A darne notizia è stato il padre del ragazzo parlando con il quotidiano Chicago Sun-Times. L’uomo, che al momento è ancora ricoverato in ospedale, ha aggiunto di aver appreso la sera stessa della sparatoria che suo figlio era stato colpito, dopo aver visto un video, diventato poi virale, ripreso da un passante con il suo smartphone e finito presto in rete. Tuttavia, ha precisato, i medici non sanno ancora se la paralisi sarà permanente o meno. Secondo le prime ricostruzioni, la vittima stava provando a entrare in un’auto parcheggiata in un’area residenziale ed era apparentemente piegata per entrare nella vettura dove si trovavano i suoi tre figli, quando un agente ha aperto il fuoco e lo ha raggiunto più volte alla schiena. Testimoni riferiscono di aver sentito sparare sette colpi, ma non è chiaro quanti abbiano raggiunto Blake.

Intanto, continuano le proteste esplose già la notte scorsa in Wisconsin dopo la sparatoria in cui è rimasto coinvolto Jacob Blake. La polizia ha di nuovo usati gas lacrimogeni contro centinaia di manifestanti che hanno sfidato il coprifuoco, lanciato bottiglie e sparato fuochi d’artificio contro le forze dell’ordine a guardia del tribunale a Kenosha. La città è diventata l’ultimo scenario delle proteste legate al movimento Black Lives Matter, cominciate il 25 maggio scorso dopo la morte di George Floyd a Minneapolis dopo un fermo di polizia. Proteste violente si sono scatenate anche a Portland in Oregon, dove centinaia di manifestanti hanno messo a fuoco la città urlando il nome di Jacob Blake.

Il 29enne, con diversi precedenti penali, è in ospedale in gravi condizioni; secondo l’avvocato della famiglia era intervenuto per placare una lite familiare. Intanto, continuano le indagini su quanto successo domenica scorsa da parte del dipartimento di Giustizia statale, anche se la polizia, oltre a sospendere gli agenti coinvolti secondo la prassi, non ha fornito ulteriori informazioni sulla sparatoria: nessun dettaglio sul possesso da parte di Blake di un’arma o sul perché gli uomini in divisa abbiano aperto il fuoco. “Questa mattina, la nazione si sveglia ancora una volta con dolore e indignazione per il fatto che l’ennesimo afroamericano è rimasto vittima di una forza eccessiva “, ha detto il candidato democratico alle prossime elezioni presidenziali, Joe Biden, che ha concluso: “Quei colpi perforano l’anima del nostro Paese”.