Addio a Fredie, l’uomo più vecchio del mondo aveva 116. Si è spento in Sudafrica l’uomo più vecchio del mondo: aveva 116 anni. Non essendoci prove certe sulla sua data di nascita, il Guinness World Record sta verificando la validità del record. Secondo quanto racconta la moglie Janneta, l’uomo Fredie Blom adorava ballare ma ancora di più fumare il tabacco che rollava usando la carta dei giornali.

Era sopravvissuto all’influenza spagnola, che aveva spazzato via completamente la sua famiglia, e fumava tantissimo, fino alla fine, delle sigarette fatte con la carta di giornale. Se n’è andato all’età di 116 anni, in Sudafrica, anche se una certezza vera e propria sulla sua data di nascita non c’è, l’uomo più vecchio del mondo, Fredie Blom. Ne dà notizia la Bbc e altri media internazionali. Il suo record di longevità, però, non è stato ufficialmente omologato dalla Guinness World Record perché non ci sono notizie esatte sulla nascita anche se ancora sono in corso le necessarie verifiche. Sul documento però riporta come data di nascita quella del 28 maggio del 1904 nell’allora colonia dell’Eastern Cape Province,

Blom sopravvisse due guerre mondiali e l’apartheid, facendo il manovale nell’edilizia fino a quando non ebbe 80 anni. Intervistato di recente, non ha confessato alcun segreto che potesse spiegarne la longevità, se non che “c’è un Uomo lassù che ha tutto il potere. Io non ho niente, posso cadere in qualunque momento ma Lui mi sorregge”. Per il resto, rileva la Bbc, Fredie Blom ha fumato per tutta la vita e ha smesso di bere alcolici solo qualche anno fa. “Fino a una settimana fa il nonno tagliava ancora la legna”, racconta di lui un nipote, Andre Naidoo.

Blom, racconta la moglie Janneta di 30 anni più giovane, era molto stressato dal limite di vendita ai tabacchi imposto dal governo durante il lockdown. Non poteva, infatti, ad andare ad acquistare il tabacco e i giornali, con la cui carta amava rollarsi le sigarette, quello era il suo hobby. “È un po’ sordo però”, aveva detto la moglie. Non ci sente bene, bisogna ripetergli le cose, e poi parla sempre di sua sorella, uccisa dalla Spagnola. “Fredie era un bravo ballerino, aveva una jazz band. Aveva il dono. Ci siamo incontrati a una festa in una casa”. Lui e Janneta sono stati sposati 46 anni, il suo primo marito era morto giovane e Fredie si è preso cura anche dei due figli e dei nipoti: “È un buon uomo. Si è preso cura di loro come se fossero suoi”.