Abusi sessuali su neonati su gruppi WhatsApp e Telegram: tra i leader un professionista 70enne

0
Abusi sessuali su neonati su gruppi WhatsApp e Telegram.

Abusi sessuali su neonati su gruppi WhatsApp e Telegram. Come emerso dalle indagini dei gruppi individuati dagli investigatori alcuni si configuravano come vere e proprie associazioni per delinquere, al cui interno era possibile distinguere promotori, organizzatori e partecipanti, con ruoli e compiti ben definiti. Son 432 le persone indagate in tutto il mondo tra cui 81 italiani.

Video di abusi sessuali su bambini in tenera età e anche su neonati scambiati su decine di gruppi WhatsApp e Telegram con tanto di atroci commenti, è la drammatica realtà emersa da una complessa indagine anti-pedopornografia che nelle scorse ore ha portato a perquisizioni e arresti in 53 province e 18 regioni italiane. La maxioperazione denominata “Luna Park” ha coinvolto le polizie di decine di Paesi e si è avvalsa anche di indagini condotte da agenti sotto copertura sulla rete Internet. In Italia coinvolta la polizia postale di Milano e gli uomini del Centro nazionale per il contrasto della pedopornografia online del servizio polizia postale di Roma, coordinati dai procuratori aggiunti Fusco e Mannella insieme ai sostituti Barilli e Tarzia della procura distrettuale di Milano.

Smantellati Oltre 150 gruppi pedopornografici online

Le indagini, che hanno visto l’impiego di oltre 300 uomini della polizia italiana, hanno portato complessivamente all’individuazione di 432 persone in tutto il mondo tra cui 81 italiani. G agenti, che hanno lavorato per diversi mesi sotto copertura su Telegram e WhatsApp introducendosi in decine di gruppi e arrivando a smantellare 16 associazioni criminali che gestivano oltre 150 gruppi pedopornografici. Come emerso dalle indagini, infatti, dei gruppi individuati dagli investigatori alcuni si configuravano come vere e proprie associazioni per delinquere, al cui interno era possibile distinguere promotori, organizzatori e partecipanti, con ruoli e compiti ben definiti.

Coinvolte persone di ogni età e ceto
Tra gli 81 gli italiani identificati dalla polizia postale milanese, due avevano ruoli apicali promuovendo e gestendo i gruppi in cui venivano condivise immagini pedopornografiche che ritraevano vere e proprie violenze sessuali su minori, prevalentemente bambine e bambini in tenera età e, in alcuni casi, anche neonati. Si tratta di un ottico con collaborazioni universitarie napoletano di 71 anni e un disoccupato veneziano di anni 20. La loro diversa età ed estrazione sociale è la confermano che tra i partecipanti vi erano persone di ogni età e ceto. Le regioni maggiormente interessate risultano essere la Lombardia e la Campania dove risiede il 35 % degli indagati.

Articolo PrecedenteInfluencer accusata di aver ucciso la madre: “Le ha strappato il cuore mentre era ancora viva”
Prossimo ArticoloBabysitter uccide una bambina di due anni: incastrata dalla ricerca su Google
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.