Abbandona un frigo davanti alla discarica. Un uomo che aveva abbandonato in maniera illecita un frigorifero davanti alla discarica di Gerre de’ Caprioli, in provincia di Cremona, si è visto restituire il rifiuto ingombrante dal sindaco del paese, Michel Marchi, con tanto di “dedica”: “Caro signore, ti è scivolato il frigo davanti alla discarica di Gerre. Per fortuna ti abbiamo visto e te lo riportiamo. Poi ti mando anche la multa”. Il primo cittadino ha poi pubblicato tutto su Facebook.

Ha abbandonato un frigorifero in maniera illecita davanti alla discarica di Gerre de’ Caprioli, piccolo comune in provincia di Cremona. Ma il cittadino protagonista dell’incivile gesto si è visto recapitare nuovamente il frigo davanti casa dal sindaco del paesino, Michel Marchi, con tanto di dedica: “Caro signore, ti è scivolato il frigo davanti alla discarica di Gerre. Per fortuna ti abbiamo visto e te lo riportiamo. Poi ti mando anche la multa”.

Il responsabile rintracciato grazie alle telecamere

Il rifiuto ingombrante era stato abbandonato da un uomo nella mattinata di venerdì, 28 agosto, davanti al centro di raccolta comunale del paese, che in quel momento era chiuso. Alcuni residenti avevano poi avvisato il sindaco, che ha analizzato le due telecamere di videosorveglianza presenti davanti alla discarica ed è riuscito, tramite la targa dell’auto, a risalire al responsabile. A quel punto, però, il sindaco ha pensato di dare all’incivile una lezione esemplare: “Prima di elevare la sanzione, ho pensato che la situazione non poteva essere tollerata oltremodo, visto che non è la prima volta che succede”, ha scritto il sindaco su Facebook. E così, grazie all’aiuto di un’altra persona, è scattata la riconsegna del frigo, che è avvenuta nella mattinata di ieri, sabato 29 agosto: “Oggi inauguriamo un nuovo servizio”, ha ironizzato il sindaco.

Il sindaco: Certi atti non possono più essere tollerati
Il primo cittadino del paesino ha voluto condividere l’episodio su Facebook per stigmatizzare il gesto dell’incivile, che non risiede a Gerre, e per evitare che vicende analoghe accadano in futuro: “Ritengo che, al netto dell’illecito, certi atti non possano essere più tollerati, per rispetto delle persone e dell’ambiente che ci circonda – ha scritto il sindaco -. Le Leggi ci sono ma forse, in alcuni casi, potrebbero non servire se il buon senso e l’educazione la facessero da padrone”. Il video del primo cittadino e la foto del frigo con la dedica sono diventati in poco tempo virali.