A gennaio scadono sia il decreto legge che il Dpcm: cosa succederà? „Cosa succederà a gennaio? L’arrivo della terza ondata può portare a un nuovo lockdown“

0
A gennaio scadono sia il decreto legge che il Dpcm: cosa succederà?

A gennaio scadono sia il decreto legge che il Dpcm: cosa succederà?„Cosa succederà a gennaio? L’arrivo della terza ondata può portare a un nuovo lockdown. Il 7 gennaio scadono le restrizioni dell’ultimo decreto legge, il 15 scade il Dpcm. C’è il rischio che molte attività rimangano ancora chiuse o ridotte ai minimi termini, come la scuola.

Zona rossa, zona arancione, poi di nuovo rossa: le misure adottate dal governo per questo periodo natalizio termineranno il prossimo 6 gennaio. Poi sarà di nuovo incertezza. Molto dipenderà dai numeri del contagio, che al momento non sono ancora rassicuranti.

La “variante italiana”

La variante italiana del coronavirus potrebbe avere un ruolo decisivo nelle decisioni che attendono il governo Conte a gennaio, quando scadranno le misure dei decreti legge e del Dpcm 3 dicembre. Ieri Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia (Siv-Isv), ordinario di Microbiologia e Microbiologia clinica all’università degli Studi di Brescia, ha annunciato che da agosto circola in Italia una nuova variante del coronavirus molto simile a quella inglese e che “ha diversi punti di mutazione nella proteina Spike, l’uncino che il virus usa per attaccare il recettore presente sulle cellule bersaglio nel nostro organismo. Come quella inglese, anche la variante italiana ha una mutazione in un punto nevralgico dell’interazione Spike/recettore cellulare, più precisamente in posizione 501″. Ma a differenza del mutante Gb, “la variante italiana ha anche una seconda mutazione in posizione 493, che rende la sua proteina Spike leggermente diversa da quella del virus pandemico che tutti oggi conosciamo“.

I dati

Ieri intanto i numeri del bollettino della Protezione Civile ci hanno riportato una situazione dei positivi figlia della diminuzione dei test del tampone. Ma il tasso di positività si è attestato al 12,5% (in discesa), dopo il balzo in avanti di diversi punti negli ultimi giorni. Per quanto riguarda i numeri assoluti, in Veneto – regione con il maggior numero di casi – si sono registrati 2782 nuovi casi di coronavirus e 69 decessi in più, con l’epicentro a Verona, con 432 nuovi positivi. Dietro il Nord-Est seguono il Lazio con 966 contagi e l’Emilia-Romagna con 750 e Lombardia con 573. E oggi questi numeri rendono ancora più difficili le decisioni che il governo Conte dovrà prendere dopo il 7 gennaio, quando scadranno le restrizioni delle festività e l’Italia sarà tutta, teoricamente, in zona gialla.

Cosa succederà a gennaio

Nei giorni scorsi il ministro della Salute Roberto Speranza ha fatto sapere che a gennaio (il 15 scadono gli effetti dei decreti legge e del Dpcm) non ci sarà nessun “liberi tutti”. Anzi, si tornerà alle zone rosse, arancioni e gialle: “Dal 7 gennaio si tornerà al sistema delle aree colorate, che ha dimostrato di funzionare abbassando l’Rt da 1,7 a 0,82, senza bloccare tutto il Paese”. Ma ad oggi i numeri dell’Italia dicono che il paese è tutto in zona gialla e anche l’Abruzzo, l’ultimo a essere rimasto formalmente arancione, dovrebbe uscire dal regime di maggiori restrizioni entro il 7 gennaio. Il problema è che per gennaio o al massimo per febbraio in molti hanno pronosticato il possibile arrivo della famigerata terza ondata. Che potrebbe dipendere, in parte, persino dalle deroghe per gli incontri tra amici e parenti certificate dall’ultimo decreto legge. Il problema è però che a gennaio e febbraio il piano per la vaccinazione di massa sarà ancora troppo indietro per essere efficace e nel frattempo il governo dovrà prendere (o non prendere) decisioni impopolari come quella dell’obbligo.

Articolo PrecedenteTutto quello che devi sapere per smentire le bufale sul vaccino di un No Vax
Prossimo ArticoloLatina, dopo le mareggiate uno scheletro integro è stato ritrovato sulla spiaggia: indagini in corso
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.