Imperia, anziani facevano sesso con una diciassettenne in cambio di 20 euro e ricariche telefoniche

Un 66enne, un 71enne, un 72enne e un 39enne di Imperia e Diano Marina sono indagati per induzione alla prostituzione minorile e atti sessuali con minori.

Facevano sesso con una baby squillo di 17 anni in cambio di denaro contante o ricariche telefoniche. La procura di Genova ha iscritto quattro persone nel registro degli indagati: si tratta di un 66enne, un 39enne e un 72enne, residenti a Imperia, e un 71enne, residente a Diano Marina, sono tutti accusati di induzione alla prostituzione minorile e atti sessuali con minori. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti e riferito questa mattina da Il Secolo XIX gli adulti – che sono stati a lungo intercettati telefonicamente – chiedevano esplicitamente alla minorenne di consumare rapporti sessuali in casa o in automobile in cambio di denaro (dai 20 ai 50 euro) e ricariche telefoniche. I fatti contestati si sarebbero verificati nella primavera del 2014, tra Imperia e San Bartolomeo al Mare.

Solo il 66enne risulta indagato per induzione alla prostituzione in quanto non solo avrebbe consumato un rapporto con la minore, ma avrebbe anche organizzato incontri con altri clienti fornendo il numero di cellulare della ragazza ad almeno altre due persone. Fondamentali si sono rivelate le intercettazioni telefoniche disposte dagli inquirenti, che hanno fatto emergere come l’intento di almeno uno degli indagati di portare a casa la diciassettenne: durante l’inchiesta, quando era emerso con chiarezza il ruolo dell’adolescente, erano stati allertati i servizi sociali che avevano poi affidato la ragazza a una comunità per minori.

I quattro indagati hanno adesso  venti giorni di tempo per depositare memorie difensive o per farsi ascoltare dal pm. Nelle prossime settimane, quindi, il pubblico ministeri Federico Manotti procederà alla presentazione della richiesta di rinvio a giudizio, quindi il fascicolo passerà nelle mani del giudice per le udienze preliminari. La possibilità che i quattro vengano rinviati a giudizio è decisamente concreta.

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi