Violenta ripetutamente un’anziana di 84 anni: in manette dipendente di una casa di riposo

Un uomo di 61 anni, tutto fare in una casa di riposo di Casal Palocco, è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale continuata e aggravata ai danni di una signora di 84 anni, non più autosufficiente e affetta da demenza senile, ospite della struttura dove lavorava. Le indagini sono scattate dopo la denuncia del figlio della vittima.

Un uomo di 61 anni è stato arrestato con l’accusa di aver abusato sessualmente di un’anziana signora, ospite della casa di riposo di Casal Palocco dove era accudita, approfittandosi del suo stato di non autosufficienza. L’inserviente, che si sarebbe dovuto prendere cura della donna, avrebbe invece esercitato delle violenze sessuali su di lei, forse sicuro di farla franca vista la demenza senile da cui è affetta la donna. Durante una delle visite del figlio però la donna, 84 anni e da tempo non più autosufficiente, forse in un momento di lucidità ha descritto le attenzioni di cui era stato oggetto e gli atti che aveva subito: prima i palpeggiamenti, in una escalation fino ad essere costretta a subire un rapporto completo. Preoccupato il figlio è andato immediatamente dai carabinieri di Ostia per denunciare il racconto della madre, inorridito da quanto aveva detto di aver subito e terrorizzato per la sua permanenza all’interno della struttura.

Incastrato dalle telecamere installate di nascosto
Immediatamente sono scattate le indagini per cercare riscontri delle parole dell’anziana ospite della struttura. Le indagini, coordinate dal sostituto Procuratore della Repubblica di Roma, Gabriella Fazi, hanno accertato le violenze grazie anche alle telecamere installate di nascosto all’interno della casa di riposto, che hanno confermato come il 61enne si introducesse all’interno della stanza della donne notte tempo. L’uomo ora è stato arrestato e tradotto nel carcere di Rebibbia: dovrà rispondere dell’accusa di violenza sessuale continuata e aggravata. Da quanto emerso la direzione della struttura né altri dipendenti sarebbero stati al corrente della condotta del tutto fare. né sono emersi al momento altri episodi di violenze e abusi all’interno della casa di riposto alla periferia di Ostia.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi