Perde a Fortnite e picchia il figlio di 11 mesi con il controller

Padre condannato a tre anni di reclusione per aver colpito ripetutamente il bambino

Condannato a tre anni di carcere per aver colpito il figlio di 11 mesi, è successo in Francia a un padre ventiquattrenne che è letteralmente impazzito dopo aver perso una partita a Fortnite.

“Mio figlio era accanto a me quando, in un momento di rabbia, ho scagliato il controller e l’ho colpito per errore”, sono state le parole del francese durante il processo. Una versione differente da quella fornita in prima battuta alla compagna, a cui aveva riferito: “è sbattuto contro le barriere del lettino”.

La dichiarazione non ha convinto i giudici, visto che già nel 2016 il giovane era stato condannato a due anni di reclusione per dei gesti simili a danno di un figlio nato da una relazione precedente.

L’ennesimo gesto folle di un padre irresponsabile che non ha nulla a che fare con i videogiochi: Università di Oxford ha dimostrato che non c’è alcun collegamento tra il tempo speso a giocare videogiochi e l’aumento di atteggiamenti aggressivi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi