Lo smartphone che conia criptovaluta e ti fa guadagnare 250 euro al mese

Wings Mobile WX promette di produrre fino a due Ethereum al mese, ma costa uno sproposito: vale la pena di scommetterci?

Barcellona

– Nell’ambito della telefonia pensavamo di aver visto tutto, specialmente dopo l’arrivo degli smartphone pieghevoli, ma il Mobile World Congress ci regala un’altra novità che farà discutere: il primo cellulare al mondo che fa guadagnare semplicemente tenendolo acceso.

Messa in questo modo sembra la promessa di un imbonitore della televisione. Il dubbio che si possa trattare di un “pacco” è lecito, ma esiste un motivo plausibile che giustifica questo guadagno. L’idea è venuta all’imprenditore italiano Antonio Milio, Ceo di Wings Mobile, che ha deciso di commercializzare uno smartphone in grado di effettuare “mining” di criptovaluta, ovvero la creazione di valuta virtuale basata sul principio della blockchain. Quindi a fronte di questa attività svolta dal cellulare, l’acquirente viene ricompensato con un “premio” che può arrivare a 2 Ethereum al mese, cha attualmente valgono circa 250 euro. Ethereum è, insieme ai Bitcoin, la criptovaluta più usata e scambiata sul web.

Come è possibile? La spiegazione tecnica è piuttosto complicata soprattutto se poco si conosce il mondo delle monete virtuali, ma in sintesi l’utente più che comprare lo smartphone Wings WX sottoscrive di fatto un abbonamento con la società produttrice del dispositivo che gli assicura un premio fino a 2 Ethereum al mese, a seconda del piano sottoscritto per l’attività di mining svolta dal suo cellulare. L’operatore mobile virtuale spagnolo ha infatti previsto diverse tipologie di abbonamento differenziandole per potenza di “mining”, partendo da 100 MH/S fino a 1000 MH/S.

Di conseguenza il cellulare costa da un minimo di 600 euro (in promozione) a un massimo di circa 2600 per il contratto più profittevole che garantisce la massima prestazione di mining. Considerando la quotazione attuale di Ethereum (1 eth vale 120 euro) in tre anni, ovvero la durata del contratto offerto da Wings Mobile, il telefono potrebbe garantire da 86 a circa 8600 euro. Ovviamente tutto dipende dalle oscillazioni della quotazione della criptovaluta.

Ma come fa un telefono ad avere la potenza di calcolo necessaria per creare moneta virtuale, considerando che generalmente le aziende specializzate in questa attività, le mining farm, utilizzano una eccezionale quantità di hardware e di energia? Il motivo risiede in una sorta di nuovo protocollo utilizzato da Wings Mobile che invece di basarsi sulla tradizionale potenza di calcolo richiesta dal protocollo Proof of Work, impiega invece l’innovativa modalità Proof of Data che si basa, semplificando, sul traffico generato con la rete mobile o il wi-fi quando il cellulare è acceso e collegato a internet. Questo algoritmo è stato realizzato dalla società equadoregna Neobit che fa parte di Wings Mobile, ma il suo funzionamento appare piuttosto nebuloso.

Quindi telefono si acquista insieme a un servizio di mining e per guadagnare, in prospettiva, bisogna mettere sul piatto un bel po’ di soldi. Di fatto si fa una scommessa, come tradizionalmente accade per le transazioni finanziarie. Il rischio è evidente, ma se l’Ethereum dovesse toccare la quotazione di 1450 entro l’anno come stima ConsenSys, a fronte di una spesa iniziale di 2600 euro, l’utente si porterebbe a casa in 12 mesi un guadagno di 17.400 euro. I calcoli, lo ripetiamo, sono del tutto teorici, ma piuttosto intriganti. È una mera opportunità speculativa, anche perché lo smartphone dal punto di vista tecnologico non brilla nelle specifiche tecniche, ma è l’unico oggetto con a bordo il software per generare la moneta virtuale.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi