SuperTerra scoperta da una ‘cacciatrice’ italiana di pianeti

Alla distanza giusta dalla sua stella per avere acqua liquida

Una superTerra, un pianeta roccioso e dalla massa sette volte maggiore rispetto a quella della Terra, è stato scoperto intorno a una stella distante 26 anni luce. L’ha scoperta l’italiana Laura Affer, dell’Osservatorio di Palermo dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf) e responsabile del programma Hades (HArps-n Red Dwarf Exoplanet Survey), una collaborazione italo-spagnola che da anni scruta il cielo alla ricerca di pianeti extrasolari, nell’ambito del progetto nazionale Gaps (Global Architecture of Planetary Systems).

La scoperta, in via di pubblicazione sulla rivista Astronomy & Astrophysics, è la terza di una superTerra fatta da Affer. Il pianeta appena scoperto si chiama Gl 686b e ruota intorno alla stella Gl 686, una nana rossa, a una distanza molto prossima a quella che permette l’esistenza di acqua liquida in superficie, considerata il primo presupposto per la vita.

“Sappiamo che è una super Terra e che ha una massa di circa sette masse terrestri, intermedia tra quella terrestre e quella di Nettuno”, dice Affer del pianeta appena scoperto. La superTerra e la sua stella sono abbastanza vicine e “a causa della piccola distanza reciproca, potrebbe verificarsi un meccanismo di rotazione sincrona”, ha aggiunto. Di conseguenza “il pianeta, che impiega quindici giorni per completare la sua orbita, potrebbe quindi mostrare sempre la stessa faccia alla stella, così come fa la Luna nel suo moto attorno alla Terra”.

La scoperta è il risultato di quattro anni di osservazioni della stella, condotte con lo spettrografo ad alta risoluzione Harps-n, del Telescopio Nazionale Galileo di La Palma, nelle Canarie. Per individuare il pianeta, che ruota attorno alla stella alla distanza pari a un decimo di quella che separa la Terra dal Sole (ossia di 0,09 unità astronomiche), è stata invece utilizzata la tecnica della misura della velocità radiale della stella, che varia per effetto dell’interazione gravitazionale con il pianeta.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi