12 cose che dovresti cancellare subito dal tuo profilo Facebook

0

Spesso si prende troppo alla leggera la nostra pagina personale sul social network più di successo, dimenticando che raggiunge una platea miliardaria

Quali sono le cose da cancellare subito dal tuo profilo di Facebook? Spesso si utilizza la propria pagina personale sul social network più popolato al mondo con un po’ troppa leggerezza. Ci si dimentica che si ha davanti una platea potenzialmente miliardaria e che ciò che si pubblica – foto, video, link, adesioni a pagine, persino amicizie – potrebbero essere fondamentali addirittura per un’assunzione lavorativa. Sempre più aziende fanno un controllo del candidato sulle sue pagine social ed essendo Twitter ormai scivolato in secondo piano, è proprio sulla creatura di Mark Zuckerberg che si  concentrano la maggior parte delle forze.

Ecco dodici elementi che magari hai inserito – meglio, dato in pasto – nel tuo profilo di Facebook a cuor leggero, ma che è meglio eliminare subito

1) Foto compromettenti

Partiamo dalle basi con un esempio lampante di foto imbarazzanti. Festa di compleanno di nemmeno tu ti ricordi chi successa anni e anni fa, il fotografo della discoteca ti immortala mentre dai spettacolo, poi ti tagga nella foto sulla pagina del locale.

L’immagine rimane sepolta sotto decine di altre, ma basta un po’ di ricerca per ritrovarla. E così, quel momento che hai sicuramente goduto fino all’ultima goccia, ma che avresti voluto cancellato per sempre, è tramandato ai posteri. Fai un bel controllo manuale e cancella tutte queste evidenze. Se la serata di baldoria è successa ieri allora è il caso di cancellare il tag non appena ricevi notifica.

2) Foto di bambini senza chiedere il consenso

Ci sono scuole di pensiero agli opposti se caricare o meno la foto di un bambino, soprattutto se molto piccolo, su Facebook.

Sta alla sensibilità dei genitori cosa decidere. Ma quel che è inoppugnabile è che prima di caricare una foto con un bambino è cosa buona e giusta chiedere il permesso proprio ai suoi genitori. E, meglio ancora, impostare la privacy ai soli amici, senza renderla pubblica. Se in passato non te ne sei curato molto, vai e cancella.

3) Numero di telefono

Sei anni fa, Facebook iniziava a chiederti il numero di telefono per questioni di sicurezza. A meno del contrario, molti utenti non si sono curati un granché di questi dati e così basta cliccare sulle loro informazioni di profilo per ottenere il contatto telefonico. I motivi per cancellarlo sono presto detti: se il numero è pubblicamente leggibile chiunque potrà chiamare per scherzi, promozioni, stalking o peggio. Puoi nasconderlo o limitarne la visibilità. Così come per altre impostazioni qui sotto, clicca sul triangolo in alto a destra, dunque su Impostazioni > Privacy e configura come meglio credi.

Facebook Impostazioni Privacy

4) Data di nascita

Insieme a nome, cognome e luogo di nascita (tutte informazioni che si possono trovare sul profilo) senza dimenticare il numero di telefono (vedi sopra), la data di nascita è da cancellare subito perché permette una raccolta anagrafica completa. Oppure per scopi gravi come furti di identità o, meno peggio, iscrizione a servizi e newsletter non richiesti. Eliminare la data di nascita può essere una scelta sofferta, soprattutto se non ci si vuole privare delle tonnellate di messaggi di auguri dai propri contatti. Non per rompere la poesia, ma buona parte di quelle persone non legge nemmeno il nome quando apre la finestrella per inviare gli auguri. Stabilito questo, è sempre possibile indicare giorno e mese, ma non anno così da trovare un compromesso.

5) Localizzazione

È possibile registrare la propria posizione su Facebook attivando il gps oppure ricercando la località in modo manuale. Non servono molte parole per capire quando questo diventa pericoloso: far sapere che siamo in un posto in vacanza e che abbiamo lasciato la casa senza nessuno può essere un’esca involontaria per malviventi.

6) Localizzare la tua abitazione

Ricollegandoci al precedente punto e rafforzandolo, condividere la posizione della propria abitazione è qualcosa da evitare in modo categorico e assoluto. Molte persone hanno creato addirittura un luogo ad hoc tipo “Nome contatto home”. Ed è luminoso quanto sia scongliatissimo. Perché si darà alla mercé di tutti le proprie coordinate, annullando privacy e sicurezza personale.

7) Lista degli amici

Rendere pubblico il proprio elenco di amici può comportare numerose controindicazioni. Il nostro migliore amico d’infanzia è diventato nel frattempo un rappresentante di spicco di una cosca? Esempio esagerato che però rende l’idea di come impostare come invisibili i “friends” ci tuteli da qualsiasi evenienza. E al contempo lasci loro un minimo di protezione in più. Come fare? Apri il profilo, dunque su amici sotto la foto di copertina e sulla barra sopra la lista degli amici. Dalla finestra scegli modifica privacy e scegli la voce che ti aggrada di più.

Facebook Impostazione Diario

8) Elenco pagine di cui sei fan

In questo caso non parliamo solo del fatto di nascondere dal proprio profilo di Facebook l’elenco delle pagine fan, ma proprio di andare a eseguire un’epurazione di massa di quelle ai quali si è apposto like con troppa leggerezza e che non vorremmo più che uscisse random in evidenza appena qualcuno visita la nostra pagina. Non solo, un controllo regolare e costante aiuta anche a eliminare le pagine che hanno cambiato nome (anche se ora si riceve notifica). In questo caso, apri il profilo e clicca sul box Mi Piace sulla sinistra. Potrai ora modificare la privacy di visualizzazione così come togliere eventuali like non più desiderati.

9) Ex partner

Qui siamo nell’ambito della sensibilità. Eliminare tutto ciò che si riferisce a una precedente relazione evita molte grane con quelle future. Si può fare un po’ di pulizia di foto, video, messaggi e post. Se proprio si vuole conservarli si può scaricare i propri dati da Facebook con l’opzione di backup (e farsi qualche domanda sul perché). Al peggio, si possono nascondere la visualizzazione come “solo io”, ma complicherebbe non di poco la situazione in caso di successiva scoperta del nuovo partner.

10) Capo

Avere il proprio capo come amico su Facebook è quanto di più pericoloso possa esistere. Vede cosa fai nel tempo libero e trae limpide conclusioni sul perché ogni tanto la tua produttività cala. Se decidi di prenderti un “giorno di vacanza” è lapalissiano suggerire di non mettere foto, ma se dovessiescludere il tuo boss nella privacy, qualcun altro potrebbe vedere e fare la spia. Insomma, in ogni caso si casca in un ginepraio.

11) Applicazioni che pubblicano da sole

Non è così edificante quando le numerose applicazioni di datingcontinuino a pubblicare a tuo nome e sul tuo profilo gli ultimi aggiornamenti dei tuoi tentativi di conquista. Soprattutto se è un qualcosa di clandestino. Cancellale tutte e poi evita che accada di nuovo andando su Impostazioni > App e siti web e controllando quali permessi hai attivato su quali app.

12) Controllo del profilo

Infine, sfrutta le potenzialità del controllo del tuo profilo così da evitare che quando qualcuno ti tagghi in una foto oppure in un post esca automaticamente sulla tua pagina. Insomma, rimane in moderazionefinché non decidi che sia il momento di renderlo visibile oppure nasconderlo (ma continuerà ad essere visibile ad esempio su altre pagine personali o bacheche. In conclusione e in generale, invece che cancellare si può sempre andare a limitare la privacy dell’elemento che dunque da “tutti” diventerà visibile esempio a specifici contatti oppure solo agli amici. Così, il profilo sarà pulito e ordinato con benefici sia per le relazioni personali sia per il lavoro o per la ricerca di occupazione, che vede un italiano su tresfruttare proprio Facebook per questo scopo.

Articolo PrecedenteLe nuove ragazze non ci stanno no ai rapporti violenti.
Prossimo ArticoloChi sono Fabrizio Salini e Marcello Foa, i nuovi vertici Rai
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.